Bike to work

Aperto il bando per l'assegnazione di incentivi a favore dell'utilizzo della bici negli spostamenti casa - lavoro.  

Incentivare l'utilizzo della bici negli spostamenti casa - lavoro (Bike to Work): è questo l'obiettivo delle misure che l'Amministrazione ha previsto con la seconda edizione dell'avviso pubblico con cui mettere a disposizione quasi 148 mila euro di incentivi per scoraggiare l'utilizzo di mezzi inquinanti e avvalersi delle due ruote.  

La pandemia ha inciso in modo determinante sulle abitudini delle persone e l'intenzione è quella di guardare ad un futuro post Covid in cui la bici possa avere un ruolo ancora maggiore negli spostamenti, in modo da decongestionare il traffico, promuovere stili di vita salutari, ridurre l'inquinamento.   

Si tratta di misure contemplate nel Decreto Rilancio, che Regione Emilia-Romagna e Comune di Parma hanno condiviso: la Regione mette a disposizione un finanziamento di 131 mila euro, sui 148 mila, mentre gli altri 57 mila sono a carico del Comune.   

I destinatari dei contributi sono aziende, enti pubblici e privati, ubicati nel Comune di Parma o nelle immediate vicinanze, o altre attività lavorative, attraverso la figura del Mobility Manager Aziendale in essere o nominato per partecipare al bando.   

L'avviso pubblico è reperibile al seguente link: https://www.comune.parma.it/comune/avvisi-pubblici/Avviso-per-manifestazione-di-interesse-iniziative-di-mobilita-sostenibile-riguardanti-la-fase-iii-del-covid-19_m1045.aspx 

Si precisa che per i soggetti che intendono partire subito da aprile ed aver diritto, quindi, a 3 mesi di incentivazioni, la manifestazione di interesse va presentata entro 23 aprile. L'avviso ha un termine fissato al 31 maggio, ma resterà comunque aperto.  

Il Comune di Parma, Assessorato alle Politiche di Sostenibilità Ambientale, guidato da Tiziana Benassi, intende dare ampio risalto alle opportunità legate a questo bando ed ha elaborato una campagna di comunicazione all'insegna dello slogan: "Se vai in bici fai un bel lavoro".   

Le agevolazioni previste per i dipendenti delle realtà che aderiranno al bando sono diverse.  

La normativa in vigore prevede che le aziende e gli enti pubblici presenti nel Comune di Parma con più di 100 dipendenti si dotino ogni anno di un piano di spostamenti casa - lavoro del personale dipendente con l'obiettivo di ridurre l'uso del mezzo privato. Il Comune di Parma, nel corso degli anni, grazie alla figura del Mobility Manager d'area del Comune, ha creato una rete sempre più solida a cui hanno aderito soggetti pubblici e privati, attraverso i Mobility Manager Aziendali, tra questi, per esempio, Università di Parma, Ausl Parma, Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma, Chiesi Farmaceutici, Iren Spa, Bormioli Luigi, Ocme, Sidel, Proges, Crédit Agricole, Number 1 e Barilla. Si tratta, quindi, di migliaia di dipendenti. L'obiettivo dell'Amministrazione è quello di coinvolgere un numero sempre maggiore di soggetti che aderiscano alla rete. Saranno, infatti, principalmente i Mobility Manager delle singole aziende o enti a predisporre le richieste di contributi al Comune, proprio in base alle progettualità messe in campo.   

"Il Comune di Parma - spiega l'Assessore alle Politiche di Sostenibilità Ambientale, Tiziana Benassi - in continuità con quanto già attuato, sta attivamente promuovendo diverse iniziative per favorire l'avvicinamento dei cittadini a scelte di mobilità sostenibili e consapevoli, anche in funzione del miglioramento della qualità ambientale e della salute. Il bando "Bike to Work" vuole premiare i comportamenti virtuosi e conferma l'attenzione dell'Amministrazione ai temi della sostenibilità ambientale ed a quelli volti a migliorare la qualità della vita delle persone nella nostra città".   

Parma, 2 aprile 2021