Al via il Progetto Europeo SIMON: Infomobility e il Comune di Parma rappresentano l’Italia. Workshop con le associazioni

Al via il Progetto Europeo SIMON: Infomobility e il Comune di Parma rappresentano l’Italia. Workshop con le associazioni

“SIMON”(asSIsted MobIlity for Older aNd impaired users) è il nuovo progetto europeo per la mobilità degli anziani e dei disabili  in aree urbane finanziato dal Settimo programma quadro (7° PQ) a cui partecipa Infomobility per il Comune di Parma, insieme al Consorcio de Transportes  del Comune di Madrid; Empresa Pública Municipal de Mobilidade e Estacionamento de Lisboa (EMEL), la Società di Valencia ETRA Investigación y Desarrollo S.A.,  l’Instituto de Biomecánica di Valencia e la Spinooff LocosLab di Bonn, Germania.
Il primo “step” importante per Infomobility riguardo il Progetto SIMON è stato presso la sala conferenze del DUC, alla presenza dell’Assessore alla Viabilità e Ambiente del Comune di Parma Gabriele Folli, l’AU di Infomobility Giovanni Bacotelli: un workshop con le associazioni di categoria per esaminare e portare alla luce problematiche esistenti e possibili soluzioni per ampiliare e migliorare la mobilità di anziani e disabili nelle aree urbane.
Era presente anche l’Assessore al Welfare Laura Rossi con Benedetta Squarcia, Responsabile della Struttura Operativa Disabili del Comune di Parma. Il workshop è stato aperto dai saluti dell’Assessore Folli e dell’AU di Infomobility Giovanni Bacotelli. “Il nostro interesse principale – ha spiegato Folli – è quello di coinvolgere le associazioni per approfondire tematiche legate alla sosta, al rilascio del permessi e a tutte le altre eventuali problematiche legate alla mobilità delle fasce cosiddette “deboli”: questo finanziamento europeo, una volta individuate le criticità, ci permetterà di operare al meglio soprattutto dal punto di vista delle tecnologie”. Ha rafforzato il concetto Giovanni Bacotelli “Da subito abbiamo pensato che non era possibile presentare un progetto all’UE senza ascoltare gli utilizzatori finali (anziani e disabili): saranno infatti proprio  loro a fornirci le indicazioni fondamentali che ci permetteranno di presentare un progetto fattibile e di ampio respiro europeo.”
Per Infomobility, la società partecipata del Comune scelta per rappresentare l’Italia, sono poi intervenuti Eugenia Capone, responsabile Progetti europei che ha presentato il progetto, e Nicola Pozza, responsabile della divisione sosta, che ha spiegato come attualmente il Comune di Parma, tramite Infomobility, abbia attivato una modalità particolarmente innovativa e sicura per emettere e rilasciare  i titoli di sosta e transito per disabili e persone con difficoltà motorie. Infatti, i permessi dotati di  tag RFID anticontraffazione (già adottati dal 2008) sono risultati di grande interesse per altre città, come ad esempio Madrid, che ancora non usufruiscono di questa tecnologia.
Per migliorare la circolazione delle persone con difficoltà motorie e con disabilità, e per verificare ancor più efficacemente il corretto utilizzo degli stalli di sosta riservati, il progetto SIMON si avvarrà delle informazioni e suggerimenti raccolti soprattutto grazie al confronto con le associazioni, che a questo punto costituiscono il network  utile per comprendere le esigenze della categoria. L’impegno è di proseguire periodicamente gli incontri  per individuare altri aspetti critici e soluzioni possibili, in aggiornamento con tutte le  città facenti parte del progetto SIMON. Ulteriori info su http://simon-project.eu/consortium/

Parma, 26 febbraio 2014

 
SimpleViewer richiede JavaScript e Flash Player. Scarica Flash